Il fenomeno dello street food

TRA I FOOD TREND DEL 2016, IL CIBO DI STRADA FA IL PIENO DI SUCCESSI IN TUTTO IL MONDO

CHE COS'È LO STREET FOOD?

Quando il cibo incontra la strada parliamo di street food. Niente di nuovo insomma, il cibo di strada ruota da sempre intorno alle tradizioni, con uno stretto legame al territorio e senza subire le influenze passeggere delle mode che hanno travolto il settore del food, soprattutto negli ultimi anni.

Si tratta però di un fenomeno gastronomico strettamente in simbiosi con la società che deve il suo trend positivo alla capacità di adattarsi alle esigenze della propria clientela, senza dover fare grossi stravolgimenti.

Oggi, mangiare fuori casa è spesso una necessità dettata dai ritmi di lavoro, e sempre più spesso è associata al momento dedicato allo svago, portando a sperimentare nuovi modelli di cucina. Da un'analisi della Coldiretti, la spesa degli italiani relativa ai pasti consumati fuori casa nel 2015 è salita a 76 miliardi, pari ad oltre un terzo del totale (35%) dei consumi alimentari, che ammontano a quasi 220 miliardi di euro.

ALLESTIRE IL FOODTRUCK

Il co-protagonista dello street food è il foodtruck, il mezzo di trasporto che veicola in tutti i sensi l'immagine dell'attività. L'occhio vuole la sua parte anche in questo aspetto, perciò differenziarsi nell'estetica del proprio camioncino, scegliendo un concept immediato che valorizzi l'offerta culinaria proposta, è un punto di partenza fondamentale. Nuovo, vintage o a tre ruote, allestire un foodtruck è un lavoro impegnativo, ma sempre meno costoso rispetto all'apertura di un ristorante proprio: secondo le cifre riportate da ilSole24Ore, un mezzo certificato personalizzato può costare tra i 20 e 40 mila euro.

TENDENZE 2016

Quali sono le ultime tendenze? Come rendere innovativa la propria attività di street food?

1. Tradizioni del territorio: specializzarsi in ricette tipiche, utilizzando prodotti locali originali, legati alla tradizione di un paese, una regione o un territorio. Dare un'identità al cibo arricchisce l'esperienza che si vuole trasmettere al cliente;
2. Bio, veg e gluten free: sono queste le tre parole magiche che guidano la grande distribuzione e che approderanno anche nel cibo di strada. Il cibo salutare ed etico attira un target sempre più ampio;
3. Etnico: un fortissimo megatrend, il gusto dell'esotico declinato con stile attira sempre più mercato;
4. Gelato artigianale e gourmet: una tendenza già al vertice, che spinge su genuinità, ingredienti, lavorazione e, soprattutto, sull'iperlocalizzazione dei gusti;
5. Motori: un sottomercato che si sta espandendo e che riguarda la personalizzazione dei veicoli dedicati allo street food. Il mercato dei veicoli customizzati risponde alla più svariate esigenze e punta a rapire il cliente con l'estetica, ancor prima di affascinarlo col cibo;
6. Strumenti adeguati: lo spazio è ridotto al minimo e non sempre attendere il proprio pasto in strada è un'esperienza confortevole. Utilizzare strumenti capaci di semplificare il rapporto col cliente, snellendo le ordinazioni o i pagamenti, è quindi fondamentale. La Divisione POS di Custom offre soluzioni studiate appositamente per questo settore, come Jsmart, il registratore di cassa portatile e ultra-compatto con la nuova tecnologia a basso consumo, ideale per i prodotti a batteria interna.

Pubblicato il 21/04/2016 in Everyday